Fermiamo il batterio killer!

In uno studio diretto da Richard Watt dell'University College London, sono stati esaminati per 8 anni 11 mila adulti, incrociando i dati relativi alla cura dei denti con quelli relativi alle malattie cardiovascolari. Ebbene, le conclusioni sono state a dir poco sorprendenti. È, infatti, emerso come chi si lavava i denti almeno 2 volte al giorno presentava un rischio di disturbi cardiaci inferiore del 70% rispetto a chi non lo faceva.
La spiegazione scientifica delle cause che stanno dietro ad un simile risultato ce la fornisce la ricerca immediatamente successiva diretta da Howard Jenkinson, dell'Università di Bristol. Il processo inizia con l'arrivo nel cavo orale di un batterio solitamente innocuo.

Tuttavia, una ferita sulle gengive è sufficiente a provocare una breccia nelle difese che il batterio della famiglia degli Streptococchi sfrutta per infiltrarsi nel circolo sanguigno. Una volta lì, si lega alle piastrine, passando indenne, grazie a tale simbiosi, agli attacchi del sistema immunitario e degli antibiotici, e trasformandosi così in un portatore di piccoli coaguli. E, nella peggiore delle ipotesi, tali coaguli aprono le porte ad ictus ed infarti. Ma si può evitare che tutto ciò accada, semplicemente evitando che il microrganismo da inoffensivo si trasformi in un pericoloso agente patogeno. Come? Dedicando alla bocca e ai nostri denti più tempo e maggiore attenzione.

Dott. Alessandro Cagioli

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università di Roma “Tor Vergata” nell’anno 2009 e specializzato in Chirurgia Odontostomatologica alla stessa Università nel 2013. Svolge la sua attività di libero professionista in Roma e Provincia. Consulente presso il reparto di Odontoiatria dell’Ospedale Regina Apostolorum di Albano Laziale, odontoiatra frequentatore del reparto di Chirurgia Maxillofacciale Policlinico Tor Vergata. Sito web: plus.google.com/u/0/115870742230421970702/posts?rel=author

Powered by psicografici